Consulta Pari Opportunità

Consulta comunale per la realizzazione delle pari opportunitÓ tra uomo e donna


 
In attuazione del principio di parità sancito dall’art. 3 della Costituzione Italiana l’Amministrazione comunale di Ferentino ha istituto, con deliberazione del Consiglio comunale n. 65 del 24 ottobre 2016,  la “Consulta comunale per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna”.
La Consulta è organo permanente di consultazione in campo economico, sociale, culturale e politico, ispirata alle leggi regionali 46/86 e 43/92, nonché alle vigenti normative nazionali ed europee in materia di Pari Opportunità.
I componenti della Consulta, rappresentanti delle diverse realtà che operano nella vita sociale, politica ed economica locale, vengono nominati dal Sindaco, su indicazione delle rispettive Organizzazioni di appartenenza. La Consulta resta in carica quanto il Consiglio Comunale e il Consiglio di Presidenza rimane in carica fino all’insediamento della successiva Consulta.
Secondo quanto fissato dallo statuto, la Consulta:
- partecipa attivamente alla programmazione ed alla pianificazione dell'Amministrazione Comunale con particolare riferimento alla creazione di effettive condizioni di Pari Opportunità fra uomo e donna;
-  propone iniziative che favoriscano la partecipazione delle donne all’attività politica, economica e sociale della comunità locale per il loro pieno inserimento in una condizione di effettiva parità;
-  stabilisce contatti permanenti con le donne per sollecitarne una più consapevole partecipazione alle decisioni che riguardano la collettività e trasmette le istanze al Comune;
-  promuove dibattiti e seminari d’informazione  in  materia di Pari Opportunità con soggetti pubblici e privati, cura la formazione e l’aggiornamento dei propri componenti e promuove iniziative che consentano alle donne di rendere compatibili la vita familiare con l’impegno pubblico, sociale e professionale.
Martedì pomeriggio 15 Gennaio 2019, presso la Sala consiliare del Comune di Ferentino, si è insediata la Consulta per le Pari Opportunità e l’Uguaglianza di Genere, organo di rilevante importanza per la Città, fortemente voluto dall’Amministrazione e che lavorerà per dare voce a tutti i cittadini.
Sono state elette a scrutinio segreto la Presidente, Stefania Timi, la vice Presidente Alessia Bonacquisti e i membri del comitato di coordinamento : Biancamaria Picchi, Marianna Nalli, Loretana Bianchi, Marta Tribioli, Simona Schifano , Anna Maria Mariani e Ilaria Malancona.
“E’ un traguardo importante – commenta il Sindaco Avv. Antonio Pompeo – che corona un’intensa fase di lavoro e rafforza il ruolo attivo delle donne nell’Istituzione riconoscendo alla Consulta la funzione di organismo di consulenza per le politiche di pari opportunità e di genere e per il raggiungimento di una piena cittadinanza delle donne nel nostro territorio. La Consulta delle pari opportunità deve diventare il luogo dove elaborare, in maniera condivisa con la Città, progetti e programmi utili a favorire la parità di genere. Abbiamo lanciato l’iniziativa durante la scorsa consiliatura, la rilanciamo adesso con la volontà di tradurre il progetto in attività concrete. Colgo l’occasione per ringraziare tutte coloro che hanno partecipato alla riunione organizzativa e a tutte le elette negli organi rappresentativi. Auguri, in particolare, alla presidente Stefania Timi, che è stata il motore di questo progetto negli anni passati e che saprà sicuramente creare uno spazio di partecipazione aperto che favorisca una cultura di genere, di rispetto, di ascolto, utile al nostro territorio”.